Prestito Personale senza Busta Paga

Prestito Personale senza Busta Paga
Il prestito personale senza busta paga è un finanziamento non finalizzato all’acquisto di beni e servizi, che si può ottenere pur in mancanza di un reddito da lavoro, con garanzie alternative, come un immobile o la doppia firma.

Quando si fa richiesta di un finanziamento, uno dei primissimi requisiti che viene richiesto al potenziale cliente è di mostrare l’ultima busta paga, che attesti il godimento di un reddito fisso e stabile da lavoro. Ciò garantisce la banca o la finanziaria della possibilità concreta che il debitore possa effettuare il rimborso del prestito, avendo entrate mensili stabili.

Questa è la ragione, per cui avere un lavoro dipendente a tempo indeterminato è un fattore fondamentale per accedere al credito.
Di conseguenza, in molti casi, ottenere un finanziamento senza avere una busta paga ha scarse possibilità di realizzazione. Tuttavia, non bisogna nemmeno disperare, perché sono diverse le soluzioni possibili, in mancanza di un reddito da lavoro.

Tipicamente, a non avere un rapporto di lavoro, a parte i disoccupati, sono le casalinghe e gli studenti. Per entrambi, esistono appositi prestiti, chiamati appunto prestiti per casalinghe e prestiti per studenti, i quali si rivolgono a loro soltanto.

Nel caso di una casalinga, sono possibili piccoli prestiti, della somma non superiore ai mille-due mila euro, erogabili anche senza alcuna garanzia, quindi, senza la necessità della doppia firma; nel caso, invece, di somme un po’ più alte, in genere, fino a tremila/quattromila euro, una casalinga potrà ottenere credito, tramite la firma di un garante, di solito il coniuge o comunque un parente.

Anche per gli studenti esistono fondi nazionali, co-finanziati dallo stato, che premiano i meritevoli, che vogliano proseguire gli studi universitari o acquistare beni e servizi relativi alla loro istruzione. Si possono richiedere, ad esempio, fino a 6 mila euro, con l’iniziativa “Diamogli credito”, ma essendo un prestito finalizzato, esso non rientra nel capitolo dei prestiti personali.

In generale, quando si è privi di una busta paga, si può tentare di richiedere un prestito, puntando su due garanzie: immobile e fideiussione.
La garanzia di un immobile (garanzia reale) assicura il creditore, il quale potrà esercitare il diritto di escutere il bene, in caso di mancato pagamento da parte del cliente. Se non dovesse essere ciò sufficiente, o anche solo in alternativa, potrebbe essere determinante la firma di un garante, il fideiussore, che assicura di pagare il prestito al posto del debitore principale, rispondendone in solido, in caso questi non paghi, con il proprio reddito e/o patrimonio.

Sottolineiamo, infine, che qualora il richiedente non abbia una busta paga, ma abbia un deposito presso la banca a cui effettua la domanda, questa è in genere invogliata a concedergli credito, in virtù di un previo rapporto con il cliente.